Dicono di noi

Vini buoni d’Italia 2016 Touring Editore

<b>Vini buoni d’Italia 2016</b>
Touring Editore

"La passione a volte non basta e ci vogliono una buona dose di coraggio, giuste collaborazioni e molto impegno e professionalità. Di origine milanese, la famiglia guidata da Emanuele si è trasferita oltre quindici anni fa’ in quest’area vitivinicola che ha iniziato una vera svolta regalando declinazioni importanti sul vitigno principe, ovvero il Nebbiolo. Il Gattinara Cesare – nomen omen – è un vero imperatore della categoria, che si presenta con un varietale ben espresso e un corredo olfattivo dove violette e rose anticipano una bocca strepitosa, fresca, lunga, vellutata ed elegante. Molto bene anche il gattinara 2010 e il Coste della Sesia Nebbiolo, il cui bicchiere fa sfoggio di complessa eleganza e vibrante beva."


    Gattinara DOCG Cesare 2011 4 stelle + Corona d’oro + Corona arancione
    Coste della Sesia DOC Nebbiolo 2012 4 stelle
    Gattinara DOCG 2010 4 stelle
    Caplenga (2013) 2 stelle
    Nemesi Rosé (2014) 2 stelle

Legenda:
4 stelle + Corona d’oro i vini della Corona sono i vini italiani dell’eccellenza, scelti con voto palese di maggioranza nella sessione finale di degustazione a commissioni riunite su scala nazionale. Sono dunque vini che hanno entusiasmato per l’assoluta espressione del vitigno e del territorio di appartenenza, per la gamma aromatica, per il corpo e per l’armonia. Vini di forte identità, il cui ricordo rimane impresso con la capacità di emozionare a lungo.
Corona arancione la Corona arancione indica i vini votati a Corona dalle commissioni parallele a quelle ufficiliali di Vinibuoni d’Italia composte da winelovers e operatori del settore che hanno partecipato alle finali nella sessione Oggi le Corone le decido io.
4 stelle sottolineano un vino in cui ci sono una completa espressione del vitigno e un rapporto di eleganza, finezza, consistenza ed equilibrio meritevoli. Un vino ottimo, da consigliare in assoluto.
2 stelle sono state attribuite a un vino ben fatto e di piacevole bevibilità, dove le caratteristiche del vitigno sono già presenti, seppure non esaltate in modo netto e chiaro.